UDINE – Liberi di conoscere, liberi di decidere

Udine – Palazzo Kechler – Salone centrale – 15 ottobre – ore 18.00   –  La locandina (PDF)

Dopo i clamori del caso Englaro a che punto è in parlamento la legge sul fine vita? Cosa è cambiato per gli operatori della sanità?

Ha senso parlare di scontro tra credenti e non credenti sul fine vita? Cosa possono fare i cittadini per garantire il loro diritto alla libera scelta?

A queste domande le associazioni Coscioni, Per Eluana e la Chiesa Evangelica Metodista di Udine cercano di dare una risposta in questo convegno. L’incontro si propone di approfondire la questione attraverso la partecipazione di personalità che si muovono nell’ambito della politica, della bioetica e della medicina. Dialogheranno fra loro contribuendo a sollecitare il dibattito e l’impegno dei partecipanti.

Il diritto all’autodeterminazione e’ sancito dalla Costituzione italiana. La legislazione nel nostro paese ancora non ha affermato questo diritto anche per coloro che sono impossibilitati ad esprimere la propria volontà. Pertanto, la “Dichiarazione di volontà anticipata per i trattamenti sanitari”, in forma scritta e autenticata, diventa strumento indispensabile per fornire maggiori garanzie di rispetto di questo importante prerogativa.

Il passo successivo, indispensabile, e quello della costruzione di un registro pubblico dei Testamenti biologici che li custodisca e ne permetta la consultazione, nel rispetto del diritto alla privacy. Ecco quindi che, anche in questo caso, la totale assenza delle istituzioni a tutti i livelli, costringe i cittadini che vedono tradire questo diritto, ad agire ed a darsi gli strumenti necessari affinché ciò avvenga.

Al termine dell’incontro dibattito verrà distribuito il modulo, fornite le modalità, le date e il luogo al fine di poter formalizzare il documento.

INTERVENTI

Maria Antonietta Farina Coscioni, co-Presidente dell’ Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, è stata eletta Deputata nel 2008 come radicale nelle liste del PD. Svolge l’incarico di segretario della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati. E’ tra i soci fondatori nel 2002 della Associazione che porta il nome del marito Luca Coscioni, con cui ha condiviso tutte le fasi della sua lotta per la libertà di ricerca scientifica, raccogliendone alla morte l’eredità politica.

Monica Fabbri, laureata in biologia, ha un dottorato in biochimica e attualmente è ricercatrice di biologia leucocitaria all’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano, nel laboratorio di Immunologia Umana. È membro della Chiesa Evangelica Valdese di Milano e della “Commissione bioetica“ per i problemi etici posti dalla scienza della Tavola Valdese dal 2002.

Amato De Monte, Direttore della SOC di anestesia e rianimazione I° e del Dipartimento di anestesia e rianimazione dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Santa Maria della Misericordia Udine. Socio fondatore dell’Associazione Per Eluana

Moderatore:

Mauro Tosoni, Direttore del giornale “Il Nuovo”

Organizzato da:

Associazione Luca Coscioni – Udine, Chiesa Metodista di Udine, Associazione “Per Eluana”. Con il contributo de: Cooperativa Sociale Itaca Onlus

Come tutte le iniziative dell’Associazione Luca Coscioni e Radicali anche questa è totalmente auto finanziata ti chiediamo, pertanto, un libero contributo (anche pochi euro) che potrai lasciare al tavolo dell’associazione il giorno del convegno o presso il banchetto che troverai in centro a Udine in via Canciani a partire da sabato 09 ottobre.

I soldi raccolti verranno utilizzati non solo per coprire le spese del convegno ma anche le spese necessarie per la raccolta e la custodia delle dichiarazioni.

Per adesioni e informazioni:

Luca Osso – 347 4475537 e-mail luca.osso@agriosso.com , Corrado Libra – 347 5345408 e-mail c.libra@libero.it , Lelio Donà – 347 6220161 e-mail lelio.dona@gmail.com

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. admin ha detto:

    Ottima iniziativa !
    Parteciperò molto volentieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.