Romoli “apre” al dialogo e Pipi interrompe il digiuno

IL MESSAGGERO VENETO (Gorizia) 04/02/2011 – Romoli “apre” al dialogo e Pipi interrompe il digiuno

Referendum, lunedì conferenza dei capigruppo

Pietro Pipi ha interrotto lo sciopero della fame, a fronte delle rassicurazioni ricevute dal sindaco Ettore Romoli circa la volontà precisa del Comune di fissare la data del voto in consiglio per i tre referendum ammessi. Il primo cittadino ha informato ieri Pipi che sarà presente personalmente alla conferenza dei capigruppo indetta per lunedì prossimo e che, «d’accordo con il presidente del consiglio comunale Rinaldo Roldo, auspica la partecipazione sia di Pipi che di Fiorelli per conto del Comitato promotore».

«Ritengo pertanto di dover sospendere questo mio sciopero, che dura da quattro giorni, perché l’obiettivo è stato raggiunto – ha sottolineato Pipi in una nota –.

La mia non era una protesta contro qualcuno e Romoli lo sa, perché, come mi ha ricordato, anche lui ha partecipato a queste “mattate” dei Radicali quando era in Parlamento, aderendo a un lungo sciopero della fame degli stessi Radicali». L’esponente dell’associazione Trasparenza è partecipazione ha precisato che il suo è stato «un tentativo non violento per aiutare il Comune a rispettare la legalità statutaria, che imponeva il voto dell’aula consiliare una volta ricevuta notizia dell’ammissibilità». «Dalle parole del sindaco ho colto un’apertura per un ragionamento politico comune, circa la gestione dei quesiti ammessi e un apprezzamento per la battaglia politica fin qui condotta, che ha dimostrato la vivacità della città e la passione dei goriziani per la democrazia», ha aggiunto Pipi.

Rimane tuttavia aperta la contesa per il quesito referendario bocciato (quello che proponeva l’istituzione del Registro dei testamenti biologici in municipio). Come si ricorderà, il Comitato dei Garanti ha dichiarato ammissibili invece gli altri tre quesiti, inerenti alla delibera d’iniziativa popolare, la soppressione del quorum per la validità dell’esito referendario e la modifica della composizione dello stesso Comitato dei garanti. «L’invito al dialogo e la ricerca non conflittuale della risoluzione dei problemi comuni vedrà i Radicali sempre disponibili – ha concluso Pipi –. Un ringraziamento esplicito va ai dipendenti dell’amministrazione comunale che, con il loro lavoro, hanno reso un servizio ai cittadini, che, sono pronto a scommetterci, torneranno presto a richiedere il loro servizio».

(i.p.)

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.