In 70 di corsa per i diritti civili

IL PICCOLO (Trieste) 06/05/2012 – In 70 di corsa per i diritti civili

Alla Bavisela non competitiva il gruppo contro le discriminazioni sessuali

Alla Bavisela Family oggi ci saranno anche loro, una settantina di persone tutte di corsa come gruppo denominato «Diritti civili? Non vogliamo arrivare ultimi». L’iniziativa, che vedrà i concorrenti riconoscibili per la maglietta con il nome del gruppo stesso, è stata presentata ieri dall’associazione radicale Certi Diritti, da Avvocatura per i diritti Lgbt – Rete Lenford e dal Circolo Arcobaleno Arcigay Arcilesbica. La partecipazione come gruppo alla non competitiva è stata pensata dalle tre associazioni «per richiamare l’attenzione sulla proposta di deliberazione comunale in materia di lotta alle discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, che le stesse avevano presentato ai consiglieri comunali di Trieste a novembre dello scorso anno, ma che fino ad oggi non è stata oggetto di discussione in consiglio comunale», si legge in una nota.

A correre con la maglietta del gruppo saranno persone omosessuali ed eterosessuali, «a dimostrazione che il tema dei diritti civili riguarda tutti e il loro inserimento nell’agenda politica dei nostri amministratori è il primo passo per aspirare a una società inclusiva e rispettosa di tutti». Anche Pietro Faraguna e Paolo Menis, rispettivamente consigliere comunale del Pd e del Movimento 5 Stelle, prenderanno parte alla Bavisela con il gruppo dei diritti civili. A far parte del gruppo ci sarà anche Sabrina Morena di Sel per il Consiglio provinciale. Ieri mattina i Giovani democratici del Pd hanno regalato al segretario provinciale del partito Francesco Russo la maglietta del gruppo. L’Arcigay e Arcilesbica di Trieste l’ha donata invece al suo fondatore ed ex presidente Fabio Omero, attualmente assessore comunale. «Il traguardo che si vuole raggiungere – chiude la nota – è quello di una città realmente inclusiva e garante dei diritti delle persone omosessuali e transessuali».

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.