Con la “Coscioni” incontro sul fine vita

IL PICCOLO (Trieste) 11/09/2014 – Con la “Coscioni” incontro sul fine vita

«Come Carlo Lizzani, Mario Monicelli e Michele Troilo ogni giorno in media quattro malati terminali si suicidano nei modi più atroci. Non è riconosciuta la possibilità di “uscire dignitosamente di scena”. Sabato oltre 67mila cittadini depositarono alla Camera una proposta di legge per l’eutanasia legale, il testamento biologico e l’interruzione delle terapie».

Lo affermano i promotori della campagna: Associazione Luca Coscioni, Exit Italia, Uaar, Radicali italiani, Amici di Eleonora Onlus e Associazione radicale Certi diritti. «Di queste continuano – ben 5.720 vennero raccolte a Trieste. La raccolta di firme è continuata sul Web, superando le 80mila. In un anno i parlamentari non hanno fatto assolutamente nulla: né un’audizione, né un dibattito. Anche l’informazione è stata carente: sembra che servano suicidi eccellenti per parlare di questi temi». L’Associazione Coscioni indice una conferenza stampa domani alle 11 al Caffè Verdi «per rompere l’indifferenza sul fine vita e far rispettare i diritti che la nostra Costituzione già prevede.

Alla conferenza stampa sono stati invitati quelle “sagome” dei parlamentari triestini per raccogliere il loro impegno affinché la proposta di legge sia discussa al più presto in Parlamento».

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.