Trieste – Non più alto del colle

banner

NON PIÙ ALTO DEL COLLE: petizione per un progetto di legge di salary cap per gli alti dirigenti pubblici

Campagna promossa dalla nascente federazione IN CAMMINO PER CAMBIARE, cui già hanno aderito Fare per fermare il declino e Partito Liberale Italiano

Partito Liberale italiano – Trieste e Fare per Fermare il Declino – Friuli Venezia Giulia organizzano un

TAVOLO DI RACCOLTA FIRME A TRIESTE

Sabato 23 novembre 2013 ore 09:00-18:00 – Via San Nicolò

Una firma per promuovere una proposta semplice e significativa: stabilire per legge che nessun dipendente pubblico possa guadagnare più del Presidente della Repubblica e destinare i risparmi a riduzione delle tasse su lavoro e reddito.

Lo stipendio del Presidente della Repubblica non è basso: più di 240.000.

Viene però superato da quello di numerosi pubblici amministratori e manager di aziende che lo stato controlla, ad esempio:

il Ragioniere Generale dello Stato, ( 562.331,86),

il Capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ( 543.954,42),

il Direttore generale del Corpo Forestale ( 362.422,13),

il Presidente autorità Energia e Gas ( 475.643,00),

il Presidente Consob ( 387.000,00)

(fonte: Patroni Griffi, settembre 2012)

Tentativi di porre un tetto a tali retribuzioni sono stati fatti anche negli ultimi governi, sempre senza esito. Eppure, l’apparato dello Stato è una delle voci di spesa più rilevanti e su cui è possibile risparmiare diversi miliardi di euro senza intervenire sul livello del welfare. Nel 2010, per il costo allargato della politica l’Italia ha speso oltre 38 MLD di , pari al 2,5% del PIL. Per questi stessi servizi la Germania spende l1,8% del PIL, il Regno Unito l1,4, la Spagna l1,7.

Quindi ci sono gli spazi per forti tagli e risparmi.

LINK UTILI:

www.incamminopercambiare.it   –   www.partitoliberale.it   –   www.fare2013.it

Pagina ufficiale dell’iniziativa:

http://www.fermareildeclino.it/non-piu-alto-del-colle

All’iniziativa partecipano anche militanti di Radicali Italiani.

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *