Testamenti biologici, Latella a Cenni: «Comune in regola»

IL MESSAGGERO VENETO (Gradisca) 31/05/2011 – Testamenti biologici, Latella a Cenni: «Comune in regola»

GRADISCA – Nessuna irregolarità, solo un disguido burocratico alla base del ritardo del Comune nell’ottemperare alla domanda di Lorenzo Cenni, esponente dei radicali, il quale ha richiesto la documentazione con la quale è stato istituito il registro dei testamenti biologici e quella relativa la sospensione del servizio. Dopo aver atteso invano i 30 giorni stabiliti dalla legge, Cenni ha avanzato sospetti circa possibili irregolarità nella decisione che ha portato alla sospensione del servizio.

A spiegare la posizione dell’amministrazione gradiscana è l’assessore alla sanità, Giuseppe Latella: «E’ stato un semplice disguido, tant’è vero che la documentazione nel frattempo è stata fornita al signor Cenni. Voglio sottolineare che in questa vicenda l’amministrazione comunale ha sempre agito con trasparenza. Continuiamo a credere fermamente nell’istituzione del registro, ma vogliamo arrivarci nei modi e nei tempi stabiliti da regole precise, e su questo saremo molto vigili».

Il Comune di Gradisca – il primo nella nostra regione a dotarsi di un registro in materia – al momento non può ricevere dichiarazioni di trattamento anticipato in seguito alla circolare emanata nel novembre scorso in forma congiunta dal ministro dell’Interno Roberto Maroni, dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Maurizio Sacconi, e dal ministro della Salute, Ferruccio Fazio. Secondo la circolare, i registri per la raccolta dei testamenti biologici istituiti da diversi comuni italiani non hanno alcun valore giuridico e sono da considerarsi illegittimi, in quanto sulla materia unico a poter legiferare è lo Stato.

«La giunta ritiene opportuno non prendere provvedimenti – conclude l’assessore Latella – in attesa di prossimi e più precisi interventi legislativi. Si ricorda inoltre che in Provincia è in vigore la convenzione fra la stessa amministrazione provinciale e l’ordine dei notai per consentire la designazione pro futuro di un amministratore di sostegno cui affidare le proprie volontà in ordine al fine vita». (g.p.)

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *