Gorizia – Che il punto nascita chiuderà lo sanno tutti

“Che il punto nascita chiuderà lo sanno tutti”. La verità e’ che centro destra e centro sinistra non hanno il coraggio politico di guidare l’opinione pubblica. Si limitano a inseguirla.

E per non perdere voti stanno tutti in silenzio! Esattamente come per i buoni benzina! Tutti a battere la spalla dei poveri benzinai, addirittura Romoli che faceva il pieno. I Radicali ieri come oggi da soli provano a far sapere che non e’ sostenibile una economia ed una politica assistenzialista!

La storia Radicale e’ la storia di gente che consapevolemente ha scelto di rischiare impopolarità, in pratica di non avere voti , piuttosto che essere antipopolari, in pratica non prendiamo in giro la gente. Pensiamo al caso del bonus pannolini.

E’ una iniziativa grottesca ed offensiva. Chi può mai credere che questa trovata possa servire a trattenere a Gorizia il punto nascita? Che lo pensi la Romano non mi meraviglia ma che il Sindaco e tutta la opposizione le vada dietro e’ drammatico. I cittadini hanno il diritto di sapere che nella pianificazione sanitaria regionale il punto nascita di Gorizia gia’ non esiste più. Vogliamo svegliarci?

Basterebbe sapere che ne’ Romoli, ne’ la Romano hanno alcun potere decisionale in materia; si chieda piuttosto all’ assessore regionale Kosic quante chance ci sono che il punto nascita resti aperto?! Sulla pella dei cittadini i politici si stanno giocando la loro partita di potere per le amministrative ma così facendo Gorizia non solo perderà il punto nascita ma perderà anche l’occasione di rafforzare altri servizi.

Come per il testamento biologico l’associazione Radicale intende organizzare un dibattito pubblico sul tema con contributi di esperti e con i politici locali. Magari sempre con il gruppo sanita’ del PD!! Io ho offerto a Cingolani di collaborare ed attendo risposta. Sono curioso di sentire Bianchini, Romano e De Santis contestare i dati del ministero e dell’OMS sulla soglia minima di sostenibilità di un punto nascita.

Ma se invece e’ vero, come sosteniamo noi Radicali, che ci vogliono 1500 parti/anno per tenere in vita il punto nascita e se e’ vero che con il bonus pannolino non si risolve nulla, i sostenitori del mantenimento del punto nascita hanno l’obbligo di spiegare come!

Pietro Pipi
Tesoriere Associazione Radicale “Trasparenza è Partecipazione” – Gorizia

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *